MELANIE FRANCESCA BIOGRAFIA

La creatività di Melanie Francesca è poliedrica: scrittrice, artista, personaggio televisivo, ha fatto anche la modella. La sua visione dell’essere artista è neo-rinascimentale, circolare e comprensiva di più ambiti: come scrittrice scrive per Rizzoli-Cairo editore e negli ultimi tre anni ha pubblicato L’Occidentale, La Donna perfetta e L’angelo. Come personaggio televisivo è apparsa in salotti televisivi di rilievo, come il Maurizio Costanzo Show e i programmi di Piero Chiambretti, non che spesso sui canali Rai. (per vedere i video delle trasmissioni clikka:

https://www.youtube.com/user/melaniealyssia )

Dopo la maturità classica e l’Accademia di Belle Arti a Venezia, inizia a esporre in Europa– ricordiamo la personale alla galleria Cortina a Milano nel 2005 e la collettiva con il gruppo di Figuration Critique, Grand Palais, a Parigi e a Mosca – e in Medio Oriente, sotto il patrocinio del ministro della cultura degli Emirati Arabi, Nahayan bin Mubarack al Nahayan nel 2005. Sempre sotto il suo patrocinio, nel 2015 è avvenuta l’esposizione THE BOX nella galleria Pro-art, Dubai, a cui sono seguite le partecipazioni ad art Dubai nel 2016 con un’istallazione pubblica a DIFC, il centro finanziario della metropoli sede delle prestigiose gallerie emiratine, e la personale alla galleria Cap Contemporary Art Platform in Kuwait nel 2017.

Ha pubblicato 15 libri che spaziano dal romanzo alla poesia, i suoi primi due hanno avuto una madrina letteraria d’eccezione: Nanda Pivano, che per ‘Luna di carne’ ha scritto: “Questo bel libro di gusto americano basato com’è sull’azione nei temi e sui dialoghi nello stile, respira aria di giovinezza per le problematiche che vi sono svolte e non può non interessare i giovani…” Per il secondo libro, GIORNI DI SABBIA, 1999, La Pivano scrive: “Melanie Moore è bellissima, ancor più di quando è fuggita dalla famiglia benestante per amore. Luna di carne, il suo primo romanzo, le ha dato notorietà e stima; in Giorni di sabbia continua la sua autobiografia con avventure durissime, immerse nelle assurdità feroci della guerra, ma anche nelle speranze e nei sogni che finiscono sempre per far trionfare la giovinezza. In un’intervista ha detto, e mi pare abbia ragione: “Se credi a qualcosa la puoi fare. E ce la fai quando non conti più gli errori che hai fatto…” Melanie Moore ce l’ha fatta..

La giornalista e scrittrice Barbara Alberti  Alberti ha scritto la prefazione di ‘Caccia d’Amore’ ed ha commentato i suoi successivi libri (clikka sul link).

Da ‘Arabian Blonde’ Mondadori, presentato da Barbara Alberti e Oliviero Toscani (vedi presentazione), Barbara è sempre stata un punto di riferimento per l’autrice.

Nel 2006 si trasferisce a Dubai dove sposa un noto businessman emiratino da cui ha due figli.
Inizia a pubblicare dei pezzi di costume sull’Alto Adige e su il Mattino. Articoli ironici e lucidi sulla vita a Dubai, che al di là dall’essere la “Las Vegas del mondo arabo”, è anche un paese pieno di contraddizioni.

Nel 2017 pubblica per Cairo con il nome di Melanie Francesca ‘L’Occidentale’ , quarta di copertina di Pierangelo Buttafuoco, presentato da Piero Chiambretti, Vittorio Feltri e Melania Rizzoli, e nel 2018 ‘La donna perfetta’. Nel 2019 esce sempre con Cairo Rizzoli con L’angelo; ora nel 2022 sta lavorando a un nuovo libro.

Nel 2021 espone a Milano con una personale alla Milano art gallery con la critica del Professor e sociologo Francesco Alberoni.

Vive tra Abu Dhabi e Lugano con suo marito e i suoi due figli.

——————

Libri:

1997 Luna di carne, Tranchida editore
1997 Cocktail, Gremese
1997 Angeli d’asfalto, Olympia press
1998 La gang, ed Trentini
2000 Giorni di Sabbia, ed il portico
2002 Adrenalina, Gremese editore
2004 Catalogo arte
2003 Caccia d’amore, Gremese editore
2005 Arabian Blonde, Mondadori
2007 Vampiria
2015 Catalogo d’Arte THE BOX
2017 L’Occidentale (Cairo editore)
2018 La donna perfetta (Cairo editore)

Attuamente collabora con L’Alto Adige e il Mattino

Personali:

2003 Abu Dhabi (United Arabs Emirates) personale sotto il patrocinio del ministro della cultura Nahyan bin Mubarack al Nahyan, in presenza dell’ambasciatore svizzero Francoise Barras
2003 Dubai (United Arabs Emirates) personale sotto il patrocinio del ministro della cultura
2005 Galleria Cortina, Milano, Icone sessuali del nostro tempo, prefazione Giampiero Mughini
2015 Dubai, Pro art gallery, sotto il patrocinio di suo altezza il ministro della cultura Nahyan Bin Mubarack al Nahyan
2016 Art Dubai, THE BOX
2017 Cap Kuwait, THE BOX

——————-

IL GIORNALE
“Melanie è modella, bionda, occhi azzurri, voce flessuosa, molto bambola. Potrebbe bastare e invece lei scrive un romanzo sobrio, con un buon intreccio (una sexystar che si trova al centro di quattro delitti) e qualche sbavatura, supera i pregiudizi del suo personaggio e sussurra, come Gessica Rabbit: mi disegnano così, e trova una madrina che la sponsorizza e la guida: Fernanda Pivano. Pubblica il suo romanzo, parlano bene di lei Barbara Alberti, Oliviero Toscani e Giampiero Mughini…”

LA STAMPA
(…) rivelazione della letteratura e celebrità mediatica emergente… È proprio la sua florida venustà a impressionare l’interlocutore: specie se consapevole che a portarsi in giro quel fisico da pin-up e quell’intreccio meduseo di chiome inserpentate è un fresco talento delle lettere… libri scritti a briglia sciolta, con ritmo e immediatezza quasi cinematografica.

CORRIERE DELLA SERA
…scrittrice della beat generation, ma anche ragazza copertina, modella, illustratrice delle più grandi riviste europee.

L’ESPRESSO
“Una specie di Erica Jong all’italiana, con un viso bamboleggiante da Lolita e un fisico bianco e burroso (…) Anche per Sgarbi la procace Melanie promette bene: “Ha un buon taglio da scrittrice…”

IL MESSAGGERO (2000)
Ex modella, oggi scrittrice disinibita con un futuro d’attrice… È stata… campionessa regionale dei tremila metri (“correvo dieci chilometri al giorno”). È stata modella per vivere. Solo dall’anno scorso è scrittrice, autrice di libri a raffica, secondo il ritmo della sua vita.

>> consulta la rassegna stampa completa